SEI IN CERCA DI UN LAVORO? OCCHIO A QUELLO CHE PUBBLICHI SUI SOCIAL

Ti presenteresti ad un colloquio con una birra in mano mentre fai un gestaccio? Oppure commenteresti negativamente l’orientamento politico o religioso della persona che ti sta facendo il colloquio? Spero che la risposta sia no. Il problema è che – involontariamente – succede proprio così per molte persone che non tengono in considerazione il mondo dei social network.

Il ricorso a internet nel mondo della ricerca di lavoro è sempre più massiccio e sta cambiando le abitudini sia dei candidati ma anche dei “cacciatori”, che cercano sempre più informazioni sui social network, vetrina pubblica per valutare e soprattutto verificare i profili.

D’altronde si sa perfettamente che nell’ambito di un colloquio si tende a dare risposte ideali che non sempre restituiscono la vera natura e le inclinazioni della persona. Per questo motivo, quando cerchi lavoro è importante non sottovalutare l’immagine che emerge di te dai Social e, più in generale, dalla rete. La cura della Digital Reputation (reputazione di una persona sul web) può fare la differenza quando si tratta di metterti in evidenza in mezzo a tanti.

In cosa si traduce tutto questo? Ogni volta che invii un curriculum, è molto probabile che il selezionatore ricerchi traccia di te sui principali Social Network:

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Instagram

Stai dunque attento a quello che pubblichi, agli argomenti che tratti e soprattutto controlla attentamente chi può vedere cosa. Consiglio: partecipa alle discussioni di tuo interesse, iscriviti a gruppi che riguardano le tue passioni, rimani aggiornato! La parte più importante del tuo profilo è ovviamente quella che fa riferimento alle esperienze lavorative e non che hai fatto, e non tralasciare premi, riconoscimenti, progetti e attitudini personali. 

Hai mai provato a Googlare il tuo nome?

Spesso i primi risultati che si ottengono digitando il tuo nome su Google fanno riferimento a Facebook, ma non solo. Presta molta attenzione alla foto profilo e alle informazioni personali. Ovviamente si sa che Facebook è più easy rispetto a LinkedIn, ma se condividi contenuti di cattivo gusto o contro le politiche aziendali, sicuramente partiresti con il piede sbagliato. Molti Recruiter ammettono di aver scartato persone valide dopo aver visto i contenuti pubblicati online. Non farti trovare impreparato!  

Come comportarsi quindi?

  • Aggiorna i profili
  • Occhio alla foto profilo: è la prima cosa che appare!
  • Controllare la tua attività: digitando il nostro nome sul web possiamo cancellare vecchi account ed eliminare contenuti passati che potrebbero rovinare la reputazione.
  • Segui i profili delle aziende che ti interessano: meglio seguire i profili delle aziende che ci interessano. 
  • Vietato usare un linguaggio volgare 
  • Vietato parlare male degli altri: le aziende cercano dipendenti professionali. Non parliamo male degli altri anche se non facciamo più parte di una determinata attività. 

Per approfondire:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...